Curriculum Framework Document

The aim of the Promoting Intercultural Competence in Translators (PICT) Project is to facilitate the systematic inclusion of Intercultural Communication (IC) in translation programmes. The Curriculum Framework was designed to assist universities in producing their own syllabus for a stand-alone module or for systematic incorporation into other modules. The Framework emphasizes the core elements for a syllabus, at the same time maintaining a large degree of flexibility and adaptability to the specific academic environment.

Read more in the "PICT Curriculum Framework": PICT-CURRICULUM_ITALIAN.pdf

EnglishGermanFrenchBulgarianItalianFinnishPolish
1 dimension - theoretical 2 dimension – textual 3 dimension - interpersonal
1.1 Concetti cardine della teoria della Comunicazione Interculturale (per es. cultura, identità, capacità di rappresentazione, ecc.) 2.1 Analisi contrastiva delle questioni culturali del pubblico di partenza e di arrivo 3.1 Consapevolezza culturale ed empatia manifestata nello scambio sociale (per es. nel momento di negoziare le indicazioni fornite dal committente appartenente alla cultura di partenza)
1.2 Strumenti concettuali per analizzare le prospettive interculturali (per es. programmi finalizzati alla analisi culturale contrastiva, livelli di consapevolezza culturale ecc.) 2.2 Analisi contrastiva dei testi in una prospettiva interculturale - caratteristiche lessicali e sintattiche, strutture sintattiche, eco visiva - e uso della analisi nel processo traduttivo 3.2 Curiosità e atteggiamento proattivo in tutte le forme di contatto con altre culture (per es. nel momento di interagire coi colleghi o clienti appartenenti alla cultura di partenza)
1.3 Conoscenza del contesto culturale della traduzione (per es. differenze tra pratiche traduttive professionali in paesi diversi, loro implicazioni per I traduttori ecc). 2.3 Individuazione di problematiche di non – equivalenza e applicazione di strategie in grado di affrontarle (per es. esplicazione, omissione, sostituzione, ecc). 3.3 Sensibilità verso emozioni e potenziali conflitti nella comunicazione (per es. parlato, non verbale ecc.)
1.4 Nessi tra teoria della comunicazione interculturale e Translation Studies (per es. Analisi comportamentale culturale e della readership, soggettività culturale e visibilità personale del traduttore) 2.4 Individuazione e gestione dell’impatto della cultura interiorizzata del traduttore e della sua reazione emotiva a elementi caratterizzanti la cultura e il testo di partenza 3.4 Posizionamento sociale (per es. decidere se conformarsi, mostrarsi neutro o deviare dalle norme sociali dominanti)

 

In designing the Curriculum Framework the diversity of context in terms of type of students, nature of teaching and learning, assessment, perception of the translator, role of IC were taken into account. The framework proposed in this document leaves open all of these aspects, concentrating purely on learning outcomes and levels of achievement against them, the hardest part of producing a syllabus. Institutions will then decide which learning outcomes to include in a stand-alone module in IC and which to integrate into other translation modules as a function of their own perception of IC. They will also themselves determine the learning style, duration and assessment mode although the teaching and assessment materials which will also be produced as part of the PICT project may help institutions decide how this is to be done.

Your Feedback

Social media